Elementi Navigazione

31 maggio 2010

Frangisole per rinfrescare la sede

Presso gli uffici di via Parodi, in Casale Monferrato, sono state recentemente installate delle nuove lame frangisole. L'obiettivo è quello di contrastare l’aumento della temperatura nei locali vetrati, una sorta di effetto serra creato dal passaggio delle radiazioni solari.
Schermare facciate trasparenti, aperture e finestre offre due vantaggi: il benessere del personale, evitando riflessi ed eccessivi aumenti termici, e la riduzione dei consumi energetici, con un notevole risparmio sul costo di condizionamento degli ambienti nei momenti più caldi.
Per decidere la migliore schermatura di un fabbricato è necessario analizzare l'impatto sole-aria. In ogni stagione cerchiamo la maggiore quantità di luce naturale possibile; le radiazioni solari, invece, vengono sfruttate per massimizzare l'uso di energia termica gratuita in inverno. Le lame utilizzate come sistema di ombreggiatura sporgente costituiscono un elemento funzionale e decorativo dell’edificio, offrendo una notevole durata nel tempo e permettendo di escludere o di attenuare la luce del sole nelle ore critiche.
Il progetto per l'installazione delle lame è stato elaborato partendo dalla posizione geografica del fabbricato. Esso è frutto di uno studio termo-statico basato sui diagrammi solari riferiti alla latitudine della nostra città, seguendo la normativa italiana sui carichi di neve e vento.

29 aprile 2010

Online il Bilancio di Sostenibilità 2009

E' stato presentato oggi, in occasione dell'Assemblea degli Azionisti, il Bilancio di Sostenibilità 2009.
Il report presenta le performance sociali, ambientali ed economiche relative alle attività del gruppo durante il 2009.
Come nelle passate edizioni, il Bilancio di Sostenibilità 2009 aderisce alle linee guida del GRI (Global Reporting Initiative) ed ottiene, anche quest’anno, il raggiungimento del massimo livello di applicazione A+.

Il raggiungimento del livello A+ conferma l’impegno dell’azienda nel voler limitare gli impatti ambientali ed il rafforzamento del rapporto e della collaborazione con le comunità locali.
Il Bilancio di Sostenibilità viene stampato in due lingue: italiano e inglese.

15 febbraio 2010

Seconda giovinezza per il forno 2 a Robilante

Il forno 2 dello stabilimento di Robilante (CN) è stato riavviato nello scorso mese di ottobre, dopo aver completato alcune importanti modifiche alla torre di pre-riscaldamento. Il progetto, realizzato nel triennio 2006-2009, aveva i seguenti obiettivi:
a) aumentare la potenzialità del forno attraverso la riduzione delle perdita di carico nel circuito gas
b) incrementare l’uso di combustibili derivati da rifiuti con il contemporaneo miglioramento del tempo di ritenzione dei gas nel pre-calcinatore e con una significativa riduzione del CO al camino.
Per ottenere questi risultati, l’intervento ha riguardato:
- il rimpiazzo e/o la modifica di tutti i cicloni della torre, dal 1° al 4° stadio; e
- la sostituzione completa del pre-calcinatore con l’aumento di volume dello stesso.
Grazie a questa modifica la produzione del forno è passata da 1.800 ton/giorno a 2.200 ton/giorno. Oltre all’intervento sulla torre si è provveduto a trasformare l’elettrofiltro del forno in filtro a maniche.
L’ultimo step dell’ammodernamento, in fase di esecuzione, prevede la costruzione di una nuova ciminiera in calcestruzzo, diametro di 3,6 m e altezza 60 m, che sarà completata entro la primavera di quest’anno.

18 gennaio 2010

Certificazione OHSAS 18001 per Augusta e Siniscola

Il cammino iniziato oltre 10 anni fa con lo stabilimento di Vernasca (PC), teso a sviluppare i moderni sistemi della gestione integrata ambiente e sicurezza, ha raggiunto un'altra tappa significativa.
Lo scorso 18 dicembre, ICMQ ha rilasciato alle cementerie di Augusta (SR) e Siniscola (NU) la certificazione del sistema di gestione della salute e sicurezza sul lavoro in conformità alla norma BS OHSAS 18001:2007. Questo risultato è stato raggiunto soprattutto grazie all'impegno e alla totale collaborazione di tutto il personale Buzzi Unicem, che ha proseguito l'ottimo lavoro iniziato nel 2005 con la certificazione UNI EN ISO 14001:2004. Oltre al personale Buzzi Unicem la certificazione ha coinvolto pure le ditte esterne operanti presso gli stabilimenti, che hanno condiviso le scelte aziendali per migliorare i già elevati standard di sicurezza dell’ambiente produttivo.

Considerato l'attuale contesto economico, il risultato raggiunto testimonia la rilevanza che la salute e la sicurezza hanno nella politica aziendale. Il percorso intrapreso proseguirà sicuramente verso nuovi obiettivi, senza dimenticare che mantenere i risultati ottenuti richiederà ancora maggior impegno di quello profuso fino ad ora.