Aggregati Naturali

Ogni intervento estrattivo determina una modificazione morfologica del territorio e deve essere realizzato in armonia con le caratteristiche geologiche del giacimento e della morfologia circostante. Buzzi Unicem gestisce numerose cave e da tempo investe risorse umane ed economiche per provvedere al recupero ambientale dei siti e per mitigare gli impatti connessi alle attività estrattive.

All’interno della cava la coltivazione delle rocce compatte avviene mediante l’uso di esplosivi. Dopo la volata, il materiale di dimensioni eccessive viene ridotto in pezzature di dimensioni idonee alla successiva lavorazione. La movimentazione e il trasporto vengono effettuati tramite trattori ed escavatori e, con l’ausilio di pale meccaniche, il materiale viene caricato su dumpers e trasportato presso gli impianti di frantumazione.

Gli aggregati per la produzione del calcestruzzo vengono sottoposti a una frantumazione primaria, a cui segue generalmente una vagliatura a secco e/o una frantumazione secondaria. Successivamente si procede alla sfangatura del materiale, che separa le frazioni più fini (limi) indesiderate. La vagliatura permette la classificazione degli aggregati secondo le classi granulometriche per consentire una corretta composizione delle miscele per calcestruzzo.